.
Annunci online

abbonamento
commenti

di Giorgio Meletti, autore di "Nel Paese dei Moratti"
(da Il Fatto Quotidiano, 29 ottobre 2010)

Omicidio colposo: i pm chiedono il processo per i vertici della raffineria dei Moratti 
Cagliari - Omicidio colposo plurimo, per essersi resi responsabili, con i proprio comportamenti omissivi, della morte di tre operai, Daniele Melis di 29 anni, Bruno Muntoni di 58, Gigi Solinas di 27. Con questa accusa la Procura della Repubblica di Cagliari ha chiesto il rinvio a giudizio dei vertici della Saras, la società quotata in Borsa controllata da Gian Marco Moratti (marito del sindaco di Milano) e da suo fratello Massimo, più noto come munifico presidente dell’Inter. L’incidente è accaduto il 26 maggio 2009 a Sarroch, in provincia di Cagliari, all’interno della più grande raffineria del Mediterraneo. 
  
Dal direttore alla ditta in appalto
In particolare, i pubblici ministeri Emanuele Secci e Maria Chiara Manganiello chiedono il processo per il il direttore generale della Saras, Dario Scaffardi, per il direttore delle operazioni industriali Antioco Mario Gregu, per il direttore della raffineria Guido Grosso e per il dirigente responsabile dell’area dove sono morti gli operai, Antonello Atzori. I magistrati, guidati dal procuratore della Repubblica di Cagliari, Mauro Mura, chiedono il processo anche per Francesco Ledda, legale rappresentante della Comesa, la ditta appaltatrice delle manutenzioni per la quale lavoravano i tre operai morti, due dei quali (Melis e Solinas, i più giovani) erano precari. 
In più è chiamato all’udienza preliminare per il rinvio a giudizio anche Gian Marco Moratti,   presidente e legale rappresentante della Saras, in quanto anche la società in quanto tale è coinvolta nel processo, per la legge 231 sulla responsabilità delle persone giuridiche nei fatti penali. La lista delle richieste di rinvio a giudizio sintetizza il percorso dell’inchiesta, che ha visto spostarsi verso l’alto, con il passare dei mesi, le responsabilità.Giannino Melis, il caposquadra della Comesa cui faceva capo Solinas, è stato indagato per un anno ed è uscito dall’inchiesta alla fine dello scorso giugno. Alla stretta finale è stata archiviata anche la posizione del capo cantiere della Comesa Vincenzo Meloni.   

Per capire le ragioni che hanno indotto la procura di Cagliari a chiedere il processo per due dei massimi dirigenti Saras, che lavorano negli uffici di Milano, a un migliaio di chilometri dalla raffineria, bisogna ripercorrere la dinamica dell’incidente. Il 26 maggio 2009, alle 13,50, Gigi Solinas, che era stato incaricato di entrare dentro la cisterna D-106 (ferma per manutenzione) per pulirla, si è affacciato alla via d’accesso senza potersi rendere conto che la cisterna stessa era satura di azoto: non c’era neppure un cartello. Respirando azoto puro, Solinas è morto in pochi secondi. Muntoni prima e Melis poi sono morti entrando nella cisterna per soccorrere il compagno. Non c’era nessun avviso di nessun genere per avvertire che quella cisterna era satura di azoto, un gas inodore e incolore. Secondo i risultati dell’inchiesta, i tre non erano dotati neppure del rilevatore di ossigeno (decisivo nei lavori di questo tipo) perché non era previsto nel capitolato dell’appalto dato alla Comesa dagli uffici milanesi della Saras.   

I pubblici ministeri hanno scritto nell’avviso di conclusione delle indagini che i vertici dell’azienda hanno omesso “di esplicare i doverosi compiti di pianificazione, di presidio e di accurata vigilanza resi necessari dalla natura non ordinaria dell’operazione di bonifica dell’accumulatore”, e hanno anche trascurato le “adeguate azioni di cooperazione, di informazione e di coordinamento”. 

Le misure non adottate
Dalla puntigliosa, dettagliatissima relazione del consulente della procura di Cagliari, Salvatore Gianino, i magistrati dell’accusa hanno tratta la convinzione che proprio i massimi vertici della società petrolifera “non adottavano tutte le misure idonee a prevenire gli incidenti rilevanti e a limitarne le conseguenze”. La relazione di Gianino fa risalire la morte dei tre operai, tutti originari del piccolo comune di Villa San Pietro, a pochi chilometri dalla raffineria, a ben dieci violazioni contemporanee della legge 81 del 2008 sulla sicurezza del lavoro. Secondo i pubblici ministeri è inevitabile il sospetto, o comunque l’ipotesi, che una condotta così disinvolta sia stata seguita dai vertici della Saras perché “così procedendo, riducevano i tempi – e conseguentemente i costi – della fermata dell’impianto”. L’udienza preliminare si terrà nei primi mesi del 2011. 

Nel frattempo i fratelli Gian Marco e Massimo Moratti, azionisti di controllo della Saras, dopo aver assegnato alle tre famiglie colpite una rendita di 2.500 euro al mese per vent’anni, hanno chiesto alle stesse famiglie di avanzare una richiesta di risarcimento.   


Nel paese dei Moratti
Sarroch - Italia. Una storia ordinaria di capitalismo coloniale
di Giorgio Meletti
Collana Principio attivo
Pagine 256 - euro 14,60

La scheda del libro
Acquista on line
Il gruppo su Facebook


commenti


La Campagna per la sicurezza sul lavoro, promossa dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali recita “Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene”.
Un messaggio e due spot: http://www.lavoro.gov.it/Lavoro/AreaComunicazione/CampagneComunicazione/2010/20100727_Ca
mpagna_Comunicazione_salute_sicurezza.htm
 rivolti solo al lavoratore e non a tutti gli “attori” coinvolti.

Dopo aver frantumato il Dlgs 81 del 2008 del Governo Prodi, hanno ben pensato di correggerlo con il decreto correttivo Dlgs 106/09 (sanzioni dimezzate ai datori di lavoro, dirigenti, preposti, arresto in alcuni casi sostituito con l'ammenda, salvamanager, ecc).
Ora il governo cerca di rifarsi la “verginità” con spot inutili che costano alle nostre tasche ben 9 milioni di euro. Spot non solo inutili, ma anche dannosi per l’immagine di chi ogni giorno rischia la vita, e non perché gli piaccia esercitarsi in sport estremi. Spot che colpevolizzano sottilmente il lavoratore stesso, nascondendo una realtà drammatica: l’attuale organizzazione del lavoro offre ben poche possibilità al lavoratore di ribellarsi a condizioni di lavoro sempre più precarie in tema di sicurezza.

E’ una campagna vergognosa perché oggi il lavoratore ha ben poche possibilità di rispettare lo slogan “Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene”, quasi che la mancanza di sicurezza fosse imputabile al fatto che il lavoratore non vuole bene a se stesso ed ai suoi familiari. Non dice nulla di chi deve garantire la sicurezza per legge, ovvero i datori di lavoro. Sottovaluta i rapporti di forza nei luoghi di lavoro. Non accenna minimamente al fatto che i lavoratori, specialmente di questi tempi, sono sempre più ricattabili e non hanno possibilità di scegliere di fronte ad un lavoro in nero, un lavoro precario e un lavoro a tempo determinato, mentre devono viceversa sottostare a ritmi da Medio Evo.
La campagna dovrebbe invece avviare un processo di comunicazione diffusa, in modo da rendere nota a tutti la necessita’ di un impegno costante da parte di tutti gli “attori” coinvolti, soprattutto di chi deve garantire la sicurezza. Questi spot devono essere sostituiti da una campagna di comunicazione che dovrà puntare sulle responsabilità civili, penali e non ultime anche etico-morali che l’imprenditore deve assumersi per tutelare l’integrita’ delle persone che lavorano per lui.

Via questi spot vergognosi. Pretendiamo viceversa più ispettori ASL e più risorse, affinché la mattanza quotidiana dei lavoratori abbia fine. Non si raggiunga il profitto a tutti i costi e soprattutto non lo si faccia attraverso il sacrificio di vite umane innocenti.

FIRMATARI:
Marco Bazzoni - Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza-Firenze.
Andrea Bagaglio - Medico del Lavoro-Varese.
Leopoldo Pileggi - Rappresentante dei lavoratori per La Sicurezza-Correggio.
Daniela Cortese - RSU/RLS Telecom Italia Sparkle-Roma

N.B Chi vuole aderire all'appello, invii il proprio nominativo, azienda, qualifice Città seguente indirizzo email: bazzoni_m@tin.it


Giorgio Meletti, autore di "Nel paese dei Moratti"
Gli spot sono infami, dicono che si muore in fabbrica e nei cantieri per colpa di chi muore. Dovrebbero piuttosto dire: "Pretendete sicurezza dalla vostra azienda, il governo vi aiuterà". Per quanto mi riguarda la campagna di Bazzoni è in linea con il mio libro e firmerò l'appello. 




Da Repubblica Tv il webdocumentario “Una giornata italiana”, da un'idea di Riccardo Staglianò, autore di "Grazie".

grazie

grazie
Grazie

Ecco perché senza gli immigrati saremmo perduti.
di Riccardo Staglianò
Collana Principio Attivo
Pagine 240 - Prezzo 14,60 euro

La scheda del libro
Acquista on line







grazieIn libreria dal 18 marzo 2010

Grazie
Ecco perché senza gli immigrati saremmo perduti.
di Riccardo Staglianò
Collana Principio Attivo
Pagine 240 - Prezzo 14,60 euro
La scheda del libro

Provate a depennare questi nomi: Ibrahimovic, Kakà, Milito, Trezeguet, Pato, Mutu, Crespo, Zanetti, Lavezzi... Immaginate che dalla prossima partita nessuno di loro scenda in campo. Sarebbe un disastro. Oggi su 933 calciatori della serie A ben 322 sono stranieri.Un esempio da solo rivelatore. La realtà è che senza gli immigrati (compresi i clandestini), tutta l’Italia andrebbe a rotoli. Quasi il 10 per cento del Pil italiano arriva dagli immigrati, una famiglia su dieci dipende da una badante straniera. Abbiamo bisogno di loro. Anche la Chiesa, anche gli ospedali.
In Trentino, nella Val di Non, le mele le raccolgono i senegalesi, in Veneto i nigerini conciano le pelli per la preparazione dei giubbotti destinati a Hollywood, a Vedelago, nel cuore del leghismo veneto, sono loro ad assicurare il 90 per cento di riciclaggio dei rifiuti. A Reggio Emilia i facchini sono per lo più indiani, in Campania i sikh allevano le bufale, in Sicilia, senza i pescatori tunisini, la flotta di Mazara del Vallo non prenderebbe il mare. E i camionisti? Nel Nordest i due terzi sono albanesi e romeni, nessun italiano è capace di fare i loro turni. E chi terrebbe i nostri vecchi e i nostri bambini? E gli uffici chi li pulirebbe? E il pacco da consegnare?

Gli immigrati non vengono a rubarci il lavoro ma a fare i mestieri che noi rifiutiamo. E a permettere a molti italiani imprenditori di continuare a lavorare e a guadagnare (anche in nero). Basta raccontare una giornata di lavoro in Italia per verificare che cosa realmente succede. Da nord a sud.

Sommario
Questo libro
Ore 1: le badanti - Al lavoro 24 ore su 24
Ore 2: i pescatori - La fatwa dei tunisini di Mazara del Vallo
Ore 3: i camionisti - La vita al volante dei driver dell’Est
Ore 4: gli allevatori - La mozzarella di bufala salvata dai sikh
Ore 5: gli addetti alle pulizie - Lo stesso lavoro ma in meno tempo
Ore 6: i muratori - Le mani straniere che ogni giorno costruiscono l’Italia
Ore 7: tate e colf - Le vice-mamme che puliscono anche il water
Ore 8: gli ambulanti - San Lorenzo: il mercato di Babele a Firenze
Ore 9: i raccoglitori - Dagli uomini della Val di Non agli schiavi di Rosarno,passando per Eboli
Ore 10: gli addetti ai rifiuti - Il riciclaggio che il mondo ci invidia
Ore 11: i conciatori - I nigerini che hanno salvato la pelle del nordest
Ore 12: le cameriere - L’affare della governante a chiamata
Ore 13: i cuochi e i lavapiatti - Se la migliore carbonara la fa un tunisino
Ore 14: gli addetti ai cantieri navali - Né ferie né malattia, il forfait inaccettabile della «paga globale»
Ore 15: i cavatori - Le pietre che solo i cinesi osano ancora spaccare
Ore 16: gli addetti alla lavorazione dei polli - Allo stabilimento di Nogarole Rocca
Ore 17: i benzinai - «Capo, ma perché la macchina me la lava er negro?»
Ore 18: i preti - La risposta vera alla crisi delle vocazioni
Ore 19: gli addetti alle fonderie - Negli ex gironi danteschi dove resistono solo gli africani
Ore 20: i panettieri - Quei pachistani che fanno il filone a un euro
Ore 21: gli infermieri - I precari perfetti della sanità esternalizzata
Ore 22: i calciatori - Quelle partite tristi orfane dei brasiliani
Ore 23: i facchini - Gli stakanovisti della fatica ora vengono dal Punjab
Ore 24: le prostitute - I saldi delle cinesi, passeggiatrici hard discount
Epilogo
Ringraziamenti


Riccardo Staglianò è giornalista de la Repubblica. Nel 2001 ha vinto il Premio Ischia di giornalismo, sezione giovani. È autore anche di "Bill Gates. Una biografia non autorizzata" (Feltrinelli, 2000) e "L'impero dei falsi" (Laterza, 2006). Per Chiarelettere ha pubblicato con Raffaele Oriani "I cinesi non muoiono mai" (2008) e "Miss Little China", che accompagna l’omonimo documentario di Riccardo Cremona e Vincenzo de Cecco (2009).

Presentazioni
Roma, 26 marzo, ore 18
C/o libreria Feltrinelli, via Vittorio Emanuele Orlando 78/81
Insieme all'autore, interviene Francesco Piccolo.
Bologna, 30 aprile, ore 18
C/o libreria Coop Ambasciatori, via degli Orefici 15
Trento, 4 giugno, ore 10
C/o Festival dell'Economia


sfoglia settembre        novembre

 

VIDEO

Sottoscrivi via email gli aggiornamenti di questo blog

Feed RSS di questo blog  RSS 2.0

CONTATTI
info@chiarelettere.it
Tel. +39.02.00649632
Via Melzi d'Eril 44
20145 Milano


Chiarelettere è promossa da
Pro Libro Service s.r.l. info@prolibroservice.it
e distribuita da Messaggerie



I LIBRI DI CHIARELETTERE

Metastasi
Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud.
La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito
di Gianluigi Nuzzi con Claudio Antonelli
Collana: Principio attivo
Pp 208 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Gaber. L'illogica utopia
Autobiografia per parole e immagini
a cura di Guido Harari
con la collaborazione della Fondazione Giorgio Gaber
Pp 320 - euro 59
La scheda
Vai alla rubrica


Ai confini del mondo
Il viaggio, le inchieste, la vita di un reporter non comune.
Un libro di Giorgio Fornoni.
Un film di Gianandrea Tintori
Collana Dvd+libro
Pp 176, durata film: 60 minuti
euro 18,60 €
La scheda
Vai alla rubrica


La lobby di Dio
Fede, affari e politica. La prima inchiesta su Comunione e Liberazione e la Compagnia delle Opere
di Ferruccio Pinotti
con la collaborazione di Giovanni Viafora
Collana Principio attivo
Pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


1994
L'anno che ha cambiato l'Italia. Dal Caso Moby Prince agli omicidi di Mauro Rostagno e Ilaria Alpi.
Una storia mai raccontata.
di Luigi Grimaldi e Luciano Scalettari
Collana Principio attivo
pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nel paese dei Moratti
Sarroch-Italia: una storia ordinaria di capitalismo coloniale
di Giorgio Meletti
Collana Principio attivo 
pp. 256 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'Italia in Presadiretta
Viaggio nel paese abbandonato dalla politica
di Riccardo Iacona
Collana Reverse
pp. 192 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Di testa nostra
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana Reverse
pp. 224 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'agenda nera
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza.
Collana Reverse
pp.464 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La colata
di Ferruccio Sansa, Andrea Garibaldi, Antonio Massari,
Marco Preve, Giuseppe Salvaggiulo
Collana: Principio Attivo
Pp. 544 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Intrigo internazionale
di Giovanni Fasanella e Rosario Priore
Collana Principio Attivo
Pagine 208 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

assaltoalpm
Assalto al Pm
di Luigi de Magistris
Collana Reverse
Pagine 336 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica

dopod il ui il diluvio
Dopo di Lui il diluvio
di Oliviero Beha
Collana Reverse
Pagine 256 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

senz'anima
Senz'anima
di Massimo Fini
Collana Reverse
Pagine 496 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica

pane e bugie
Pane e bugie
di Dario Bressanini
Collana Reverse
Pagine 320 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Controcanto
di Marco Revelli
Collana Reverse
euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Grazie

di Riccardo Staglianò
Collana Principio Attivo
Pagine 240 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito dell'amore
di Mario Portanova
Collana: Reverse
Pagine 256 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Ad personam
di Marco Travaglio
Collana Reverse
Pagine 608 - euro 16,90
La scheda del libro
Vai alla rubrica


I dieci giorni che sconvolgeranno il mondo
di Alain Minc
Traduzione di Valentina Abaterusso
Collana Reverse
Pagine 128 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il patto
di Nicola Biondo e Sigfrido Ranucci
Collana Principio Attivo
Pagine: 338 - euro 16,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La strada di Levi
di Davide Ferrario, Marco Belpoliti, Andrea Cortellessa
Collana DVD + libro
Euro 24
La scheda
Vai alla rubrica


Giorgio Perlasca
di Dalbert Hallenstein e Carlotta Zavattiero
Pagine: 220 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Tourbook - Fabrizio De André 1975/98
di Fondazione Fabrizio De André onlus
a cura di Elena Valdini
Pagine: 484 - euro 59,00
La scheda del libro


Dentro l'Opus Dei
di Emanuela Provera
Collana: reverse
Pagine: 216 - euro 4,00
La scheda del libro


Fuori orario
di Claudio Gatti
Collana: principioattivo
Pagine: 241 - euro 15,00
La scheda del libro


Adesso basta
di Simone Perotti
Collana: reverse
Pagine: 195 - euro 14,00
La scheda del libro


La cura
di Michele Ainis
Collana: reverse
Pagine: 183 - euro 14,00
La scheda del libro


Agenda voglioscendere 2010
dal blog di Corrias, Gomez e Travaglio
a cura di Roberto Corradi
Prezzo: euro 12,90
La scheda


Il regalo di Berlusconi
di Peter Gomez e Antonella Mascali
Collana: principioattivo
Pagine: 339 - 15,00 euro
La scheda del libro


Presunto colpevole
di Luca Steffenoni
Collana: reverse
Pagine: 272 - 14,00 euro
La scheda del libro


Papi
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Collana: reverse
Pagine: 331 - 15,00 euro
La scheda del libro


Un inverno italiano
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana: reverse
Pagine: 336 - euro 14,60
La scheda del libro


Miss Little China
di Riccardo Cremona e Vincenzo De Cecco (DVD)
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò (libro)
Collana: libro+DVD
Pagine: 77 - euro 19,60
La scheda del libro


Processo agli economisti
di Roberto Petrini
Collana: reverse
Pagine: 170 - euro 13,60
La scheda del libro


Vaticano S.p.A.
di Gianluigi Nuzzi
Collana: principioattivo
La scheda del libro
La rubrica dell'autore


Italia Anno Zero
di Beatrice Borromeo, Marco Travaglio e Vauro
Collana: reverse
La scheda del libro


I nuovi mostri
di Oliviero Beha
Collana: reverse
Pagine: 281 - 13,60 euro
La scheda del libro


La morsa
di Loretta Napoleoni
Collana: reverse
Pagine 186 - 13,60 euro
La scheda del libro


L'Anello della Repubblica
di Stefania Limiti
Collana: principioattivo
Pagine 337 - 16 euro
La scheda del libro


Giovani e belli
di Concetto Vecchio
Collana: principioattivo
Pagine 193 - 14 euro
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Sol dell'Avvenire
di Giovanni Fasanella e Gianfranco Pannone
Pagine: 127
Durata DVD: 77 minuti
Prezzo: euro 19,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Il gruppo su facebook


Passione reporter
di Daniele Biacchessi
Prefazione di Ferruccio De Bortoli
Collana: reverse
Pagine: 230 - euro 12,60
La scheda del libro
Il Teatro Narrativo Civile


Lotta civile
di Antonella Mascali
Collana: reverse
Pagine: 305 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Profondo nero
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Collana: principioattivo
Pagine: 295 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La questione immorale
di Bruno Tinti
Collana: reverse
Pagine: 205 - euro 13,60
La scheda del libro
Il blog di Bruno Tinti


Io sono il mercato
di Luca Rastello
Collana: reverse
Pagine: 176 - 12,00 euro
La scheda del libro


Un paese di baroni
di Davide Carlucci e Antonio Castaldo
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il suono e l'inchiostro
A cura del Centro Studi Fabrizio De André
Prezzo: euro 15,00
Collana: reverse
La scheda del libro


La Finanziaria siamo noi
di Stefano Lepri
Prezzo: euro 13,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro


Strage continua
di Elena Valdini
Prefazione di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: euro 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


ALZA LA TESTA!
di Piero Ricca
con Franz Baraggino, Diego Fabricio, Elia Mariano
Prefazione di Marco Travaglio
Prezzo libro + DVD: euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Un nuovo contratto per tutti
di Tito Boeri e Pietro Garibaldi
Prezzo: euro 10,00
Collana: reverse
La scheda del libro


Evaporati in una nuvola rock
a cura di Guido Harari e Franz Di Cioccio
Prezzo: euro 37,00
La scheda del libro


La paga dei padroni
di Gianni Dragoni e Giorgio Meletti
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Bavaglio
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Introduzione di Pino Corrias
Prezzo: euro 12,00
Collana: principioattivo
La scheda del libro


I cinesi non muoiono mai
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito del cemento
di Marco Preve e Ferruccio Sansa
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il ritorno del principe
di Saverio Lodato e Roberto Scarpinato
Prezzo: euro 15,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Non chiamarmi zingaro
di Pino Petruzzelli
Prezzo: euro 12,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'attentato
di Andrea Casalegno
Prezzo: euro 12
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Voglia di cambiare
di Salvatore Giannella
Prezzo: euro 13,40
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Se li conosci li eviti
di Peter Gomez e Maco Travaglio
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Viaggio nel silenzio
di Vania Gaito
Collana: reverse
La scheda del libro
Il blog dell'autrice

Doveva morire
di Ferdinando Imposimato e Sandro Provvisionato
Prezzo: 15,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nostra eccellenza
di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica
La giornata del risparmio energetico

 
Sparlamento. Vita e opere dei politici italiani
di Carmelo Lopapa
Prefazione di Dario Fo e Franca Rame
Prezzo: 14,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



La Repubblica del ricatto

di Sandro Orlando
Prefazione di Furio Colombo
Prezzo: 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica









Mani sporche
di Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio
Prezzo: 19,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Ascolta l'incipit
 
 


 



Sante ragioni
Autori: Carla Castellacci, Telmo Pievani
Prezzo: 13,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



A piedi
Autori: Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro
Prezzo: euro 13,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Il giorno in cui la Francia è fallita
Autori: Philippe Jaffré, Philippe Ries
Prefazione di Francesco Giavazzi
La scheda del libro
Vai alla rubrica

Capitalismo di rapina
Autori: Paolo Biondani, Mario Gerevini, Vittorio Malagutti
Collana principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Toghe rotte
A cura di Bruno Tinti
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro

Vai alla rubrica

Ascolta l'incipit

Il blog dell'autore



Siamo Italiani
A cura di David Bidussa
Collana: reverse
Prezzo: 10 euro
La scheda del libro

Vai alla rubrica



L'Agenda Rossa di Paolo Borsellino
Autori Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Prezzo: 12 euro
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Paese della Vergogna
di Daniele Biacchessi
Prezzo 9,50
Prefazione di Franco Giustolisi
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Italiopoli
di Oliviero Beha
Prezzo: 13,60
Prefazione di Beppe Grillo
La scheda del libro
Il blog dell'autore